Mantova

Situata al centro della pianura padana, la città di Mantova è stata fin dalle sue origini circondata dalle acque. I suoi primi insediamenti si svilupparono, probabilmente, già ai tempi degli Etruschi, in un’area corrispondente all’attuale Piazza Sordello. Ma furono i Gonzaga, a partire dal XIV secolo, che diedero un forte impulso culturale e artistico alla città, delineandone l’attuale struttura urbanistica e architettonica. Durante i quattro secoli di regno, i signori di Mantova ospitarono a corte i più illustri artisti del tempo quali Leon Battista Alberti, Pisanello, Andrea Mantegna, Giulio Romano, Rubens e altri, le cui opere contraddistinguono ancora oggi la città in tutto il suo splendore.

Città Patrimonio Mondiale dell’Unesco, Mantova saprà stupirvi con il suo ricco patrimonio artistico, culturale e naturalistico. Una città unica, dove la storia e l’arte antica dialogano costantemente con la modernità dei linguaggi creativi e delle creazioni culturali. Musei, monumenti, buon cibo, escursioni naturalistiche, appuntamenti culturali, sono solo alcuni dei motivi per visitare Mantova e vivere emozioni uniche e irripetibili. Benvenuti!

 

 

La provincia
Le colline Moreniche a Nord, a due passi dal Lago di Garda, una fitta rete di fiumi e canali e la fertile, immensa pianura a vocazione agricola. 70 comuni distribuiti su una superficie di 2238 Kmq, dei quali il 92% è pianeggiante. Questi sono gli elementi caratteristici della provincia di Mantova. I piatti profili della Pianura Padana sono solcati in territorio mantovano da 7 fiumi: Po, Mincio, Chiese, Oglio, Secchia, Tiene e Tartaro. Mantova è una provincia a vocazione tipicamente agricola, ma già da alcuni decenni il panorama produttivo ha cominciato a trasformarsi con l’insediamento di forti poli industriali come quello della calza nelle Zone di Castiglione delle Siviere e Castelgoffredo o della siderurgia a Gazoldo degli Ippoliti.
Gli itinerari turistici che la provincia offre sono vari e possono abbinare all’elemento naturalistico quello artistico e, perché no, quello enogastronomico.

 

 

La cucina

La cultura e la cucina mantovane sono profondamente legate ad antiche tradizioni contadine, e riflettono un forte legame con le zone vicine.
Soprattutto l'Emilia-Romagna (da Piacenza a Ferrara), e la bassa Lombardia (Pavia e Cremona) presentano intensi legami che dimostrano un quadro culturale (e gastronomico) fondamentalmente unitario.
E parlando di affinità è necessario ricordare la dominazione austriaca (Mantova era una delle piazzeforti del quadrilatero) che ha lasciato tracce, che ancora resistono, nel dialetto, nei monumenti e anche in cucina.

I primi, in brodo o asciutti sono la colonna portante della cucina mantovana e, insieme a riso e risotti, ne danno il carattere di base.
Meno numerosi sono i secondi, anche se non mancano ricette caratteristiche, accompagnati da salse e contorni che li valorizzano. Anche il pesce, abbondante nelle acque della provincia, riveste un aspetto importante.
Un'ultima parola meritano i dolci, vero punto di forza, con i primi, della cucina mantovana.

 

Cicloturismo

Il rilancio dell’andare in bicicletta è sì legato alla questione inquinamento, ma consente anche di muoversi “a misura d’uomo e di ambiente”. La velocità non è così l’elemento decisivo: l’andare piano consente di vedere, non solo guardare, quello che ci circonda e ci consente altresì la scoperta di luoghi altrimenti inaccessibili. Una provincia come la nostra offre la possibilità di muoversi in bicicletta senza particolari difficoltà: la pianura è l’elemento che ci caratterizza di più e in piano si va bene. Ma può anche offrire percorsi impegnativi sui colli morenici, ora raggiungibili con una pista ciclabile dal centro del capoluogo e fino a Peschiera: il collegamento cicloturistico di Mantova con il Garda, che ha impegnato la Provincia nella sua realizzazione, consente di valorizzare un percorso estremamente significativo dal punto di vista ambientale, naturalistico, paesaggistico ma anche storico-culturale.
Altri percorsi di grande pregio e valore sono quelli arginali, quelli che consentono di pedalare lungo il grande fiume, ma anche lungo il Mincio, in sicurezza alla riscoperta della campagna e di una natura che ci riconcilia con la vita, lontano dallo stress di ogni giorno.
Molte sono, dunque, le possibilità di muoversi in bicicletta, in sicurezza, sul nostro territorio.
Alcune pubblicazioni, reperibili presso lo IAT di Mantova, illustrano molto bene quanto è possibile vedere andando in bicicletta, come ad esempio “Un Po di bicicletta”.

 

Partners

hotel-broletto

Contatti

Non esitate a contattarci per ulteriori informazioni:
  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  +39 393 8227910
  Via Frattini, 1 - 46100 Mantova
 
Check in dalle 14 alle 18, previa telefonata.
 
 
Le Residenze di Mantova